Pappagalli verdi: cronache di un chirurgo di guerra di Gino Strada - Lorenzo Borri

TRAMA Gino Strada è un chirurgo di guerra e uno dei fondatori di Emergency. In queste libro racconta storie, esperienze, pensieri, rimorsi e ricordi. Narra la costruzione di ospedali destinati però a essere abbattuti a colpi di mortaio, racconta in modo commovente la storia di bimbi e adulti mutilati senza futuro in un paese di guerra, parla dei soccorsi in mezzo alle macerie e agli spari, della vita di molti colleghi e volontari che ha incontrato nel suo lungo cammino e, purtroppo, spiega la triste vicenda delle persone distrutte dalla “guerra”.
TITOLO DEL LIBRO Il titolo dell'opera riprende il nome di un tipo di mina di produzione sovietica, Massicciamente impiegate nelle operazioni belliche - soprattutto nelle incursioni aeree - degli ultimi decenni, sono caratterizzate da una particolare forma , unitamente alla colorazione verde, induce l'osservatore ad associarle a dei volatili: di qui l'appellativo pappagalli verdi.
CONTENUTI EL LIBRO In questo libro viene affrontato l'errore umano nel compiere guerre. Gino Strada infatti, per tutta la durata del diario, descrive gli effetti della guerra dopo il suo passaggio: la presenza delle mine che massacrano la gente dei piccoli villaggi che è costretta a vivere in condizioni di terrore che vengono lasciate nel terreno fanno vittime tante quante quelle durante i combattimenti con la differenza che le mine colpiscono civili indifesi.
PARERE PERSONALE Io ho trovato molto interessante questo libro perché, è diverso da tutti gli testi che raccontano eventi bellici infatti non racconta i dati tattici ,le strategie della guerra o meglio lo fa il meno possibile racconta delle vittime della guerra ma narra delle vere vittime infatti non parla quasi mai del esercito di una nazione o dell'altra ma, narra dei civili: Persone normali con delle vite normali che vengono stravolte dal dramma della guerra loro sono persone innocenti. La cosa che mi ha fatto capire la vera crudeltà della guerra è data dal titolo di questo libro che si intitola pappagalli verdi che come detto prima sono delle mine però l’efficacia di queste sta nel fatto che non lo sembrino, infatti sono fatte per uccidere, mutilare ferire i bambini che quando le vedono cadere dal cielo le scambiano per giochi. La nota positiva di questo libro è data dal fatto che ci sono delle persone come l’autore che lasciano le proprie famiglie, le proprie case, le proprie comodità e mettono a rischio le loro vite per salvare queste persone che sono innocenti colpiti dalla guerra.

Commenti

Post popolari in questo blog

La Primavera, solo pochi mesi per viverci insieme - di Ilaria Boeri