Io e Te di Niccolò Ammaniti - Jacopo Miraglia

Il romanzo Io e Te racconta la storia di un quattordicenne di nome Lorenzo che frequenta il liceo ed ha un carattere difficile, per questo è sempre lasciato in disparte dai compagni. Un giorno, ascoltando i discorsi di un gruppetto di compagni di classe, Lorenzo scoprì che stavano organizzando una settimana bianca a Cortina; lui conoscendo il posto perché la sua famiglia aveva lì una baita e ci andava spesso a sciare, inventò ai sui genitori che era stato invitato e che sarebbe partito l' indomani. La commozione della madre gli impedì di confessare la bugia, così fu costretto a far finta di partire e a nascondersi nella propria cantina. Le giornate in cantina passarono con varie telefonate della madre che chiedeva particolari e notizie a cui Lorenzo rispondeva inventando e fingendo. Un giorno una figura estranea entrò in cantina, Lorenzo sorpreso e spaventato si nascose, ma poco dopo capì che si trattava della sua sorellastra Olivia che era andata lì per cercare dei suoi oggetti. Fra i due fratelli nacque una relazione prima di contrasto e poi di amicizia. A questo punto si entra nella parte secondo me più interessante del romanzo perché l' autore analizza e mette in evidenza i caratteri dei due protagonisti attraverso i loro comportamenti. Lorenzo, spaventato dalla condizione di salute di sua sorella che è sotto effetto di stupefacenti, teme addirittura di vederla morire sotto i suoi occhi. Reagisce dimenticando se stesso e prendendo delle iniziative in modo autonomo, cosa che non credeva di saper fare, bloccato dal suo carattere egocentrico; questo lo libera dalla sua chiusura e dalla sua timidezza. Olivia all' inizio appare spavalda, ironica, padrona del mondo e prende in giro il fratello. Con il passare dei giorni però, indebolita e devastata dagli effetti collaterali della droga, si dimostra bisognosa di aiuto urgente, chiede sostegno al fratello facendolo così maturare rendendolo più consapevole delle necessità degli altri. I due fratelli si lasceranno molto uniti dall'esperienza vissuta, con la promessa di rivedersi e con l' impegno da parte di Olivia che non si sarebbe più drogata. Le vicende della vita purtroppo li divisero; vent'anni dopo Lorenzo fu chiamato a riconoscere il corpo di sua sorella morta per overdose.
Ho trovato questo romanzo interessante perché mi ha fatto capire che ogni ragazzo deve superare i suoi difetti e le sue difficoltà attraverso esperienze a volte anche difficili e dolorose.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le mie vacanze estive - di Riccardo Baldo