Una fiaba di Ilaria Boeri

Nel periodo medievale, quando le campagne erano ancora abitate, in una zona di Vienna, nell’Austria, oltre a castelli e corti c’erano tanti campi grazie quali molte famiglie riuscirono a sopravvivere con i beni che la terra donava loro.
Questo racconto rappresenta una parte della vita in campagna, dove una storia d’amore ha incontrato tutte le difficoltà che la vita ha imposto.
Una delle protagoniste è Adele una ragazza di 20 anni, leggermente più alta della madre, con occhi azzurri e profondi che esprimevano la sua personalità gioiosa, ma anche allo stesso tempo timida al primo impatto; i suoi capelli erano lunghi, mossi, bruni e lucidi, visto che li curava tutti i giorni.
Adele aveva un fratellino di 10 anni ed era un sognatore; si immaginava tutti i luoghi al di fuori del terreno di famiglia.
Il padre si concentrava sul suo orto, mentre la madre cercava ogni giorno un modo diverso per usare i prodotti dell’orto raccolti dal marito e dai figli per creare ricette nuove, poiché a lei piaceva molto cucinare.
Durante la giornata Adele aiutava il padre, insieme al fratello a curare il campo per cercare di avere sempre i prodotti migliori, anche se ogni giorno avevano dei problemi con dei vicini che rovinano il loro orto. Si trattava della famiglia Tindaro e non di quella Nadini, la quale signora era molto amica della madre di Adele e la figlia, Brenda, era una coetanea di Adele, era bionda con gli occhi verdi. Le due erano molto amiche.
Invece la famiglia Tindaro era formata dai due genitori e dal figlio Ruggero, un bel ragazzo si 22 anni e che aveva gli occhi scuri e i capelli ricci e bruni, era alto e magro e aiutava anche lui i suoi genitori.
I protagonisti della storia d’amore sono Adele e Ruggero innamorati sin da quando erano bambini, nonostante le loro famiglie avessero sempre sostenuto di aver subito furti dall’altra.
Mentre i due ragazzi lavoravano i campi si scambiavano lughi e avvolgenti sguardi che duravano un’eternità e che dicevano più di mille parole: questi bastavano per far capire la loro affinità. Anche Brenda aveva un amore segreto per Ruggero che, però, non aveva il coraggio di rivelare ai due amici.
Appena il ragazzo era lontano da Adele, Brenda lo chiamava per aiutarla con faccende inutili e superflue che sarebbe riuscita ad affrontare questi problemi da sola, ma preferiva svolgerli in sua compagnia era meglio…
Arrivato il 14 settembre, il giorno dell’anniversario del fidanzamento segreto, i due lo festeggiarono nascosti tra le spighe di grano che facevano il solletico sulle gambe leggermente scoperte dal vestito di Adele. In quel giorno hanno riso, parlato e scherzato e in tutto questo i loro visi iniziarono ad avvicinarsi fino a che le loro labbra si unirono in un bacio che fu visto da Brenda mentre era e lì stava cercandoli perché si sentiva sola. Appena li vide insieme scappò via in lacrime, i due sentirono che il grano si muoveva e per la paura che i loro genitori potessero trovarsi nei dintorni decisero di tornare a casa. Quando furono a casa era molto tardi, quasi sera, e il sole stava tramontando.
Il giorno dopo Adele andò a cercare Brenda per raccontarle quello che era successo in quel magnifico giorno, ma quando entrò a casa dell’amica e chiese alla madre se poteva vederla lei le rispose che la figlia non si sentiva molto bene e questo stupì molto Adele che tornò ad aiutare il padre nel campo.
Passò una settimana dopo il bacio e Brenda non si era fatta vedere, finchè un giorno Adele fece irruzione nella casa della famiglia Nadini dove trovò Brenda in lacrime nel sul letto sommersa dai fazzoletti.
Adele si inginocchiò e cercò di parlarle, ma Brenda non voleva rivelare la verità così le raccontò una bugia, che un suo amico che passava sempre di lì era partito e non sarebbe più tornato e per quello ci era rimasta molto male. Brenda, però, aveva un’idea, cioè parlare con i genitori delle due famiglie rivelando loro la relazione proibita. Il suo piano ebbe inizio il giorno seguente.
Brenda andò prima dal padre di Adele e gli disse che la figlia e Ruggero si erano baciati di nascosto e che la loro relazione clandestina durava già da un anno. Poi andò dal padre di Ruggero e gli disse le stesse parole, aggiungendo che Ruggero sarebbe stato perfetto sia per lei che per entrambe le famiglie. In questo modo riuscì a convincere il padre di Ruggero a far sposare il figlio con la ragazza al più presto per evitare proteste da parte dei due innamorati.
Dopo una discussione fra le due famiglie si decise che i due ragazzi sarebbero dovuti restare ognuno nella propria casa. Quando la notizia fu comunicata ai due innamorati, questi si diressero al limite dei terreni seguiti dai genitori peer incontrarsi e cercare una soluzione, però riuscirono a bloccarli e a impedire il loro incontro.
Il mattino seguente Ruggero uscì di casa prima del solito e vide qualcuno stava mettendo in disordine parte del campo, così si avvicinò e chi vide? Vide Brenda e le urlò addosso facendo uscire tutte le tre famiglie che videro con i loro occhi che la colpa delle loro liti era solo di Brenda e non dell’altra famiglia.
Così si conclude questa vicenda: il matrimonio tra Ruggero e Brenda fu annullato, ma fu invece fissato per il mese successivo quello fra il ragazzo e Adele.
Dopo il matrimonio i due ragazzi riuscirono a comprarsi un terreno, leggermente più piccolo rispetto a quello dei genitori, dove costruirono anche una casa con una stanza in più che dopo molti mesi si trasformò nella camera del loro bambino.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le mie vacanze estive - di Riccardo Baldo